The Shimmer è un progetto nato nel 2009 da Massimo Culpo (chitarra e sintetizzatori) e Riccardo Pasquale (voce, basso e sequenze) e sin da subito ha cercato di riprodurre sonorità post punk, new wave e degli anni 80 di cui è fortemente innamorato. La produzione quasi esclusiva di pezzi inediti sfocia in poco tempo in NEW DAYS (2011), un primo disco autoprodotto che permette a questo progetto di mettersi in mostra e di diventare piccolo protagonista della scena wave italiana.

NEW DAYS è un disco di conoscenza e di sperimentazione; talvolta tinto con sonorità fredde e forse acide e inesperte. È il primo banco di prova di un progetto che deve capire dove e come osare nella produzione dei propri pezzi. Si alternano momenti più wave a sonorità dance in un mix che comunque lega i 9 pezzi del disco.

La direzione della band si sposta quindi verso l’elettronica; il singolo THE NAME OF LOVE (2012) contenuto anche in EP e BLUE successivi, infatti, segna una svolta importante per il progetto. Il sound è quindi più maturo e del tutto singolare e viene infatti premiato anche con la vittoria nel 2012 del GOTHIC ROOM (Darkitalia).

In cantiere e in sala prove vengono messi insieme ben 11 pezzi che andranno a costituire GREETINGS FROM MARS (2014) di cui WISH è il primo singolo. Questo disco parla di noi, della gente comune, della gente come noi; di un senso di distacco dalla terra che proviamo ogni volta ci troviamo di fronte al telegiornale, alla tv e tutto quel che succede a questa società. Per questo noi abbiamo deciso di salutare -da Marte- tutto questo malessere. Le canzoni che compongono questo disco parlano proprio di tutti i giorni: dalla violenza sulle donne (iron lady), alla perdita di un amico o parente molto caro (hot). Da qui in avanti è tutto presente e un vivere giorno dopo giorno.